PostFrontal Forum
PostFrontal Forum
PF Home | International_Forum | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?


 All Forums
 Argomenti principali
 Racconto e analisi voli
 Il mio primo e secondo volo da solista
 New Topic  Reply to Topic
Previous Page | Next Page
Author  Topic Next Topic
Page: of 4

Coolwind
Moderator

Italy
8957 Posts

Posted - 03/05/2013 :  13:13:04  Show Profile  Visit Coolwind's Homepage  Reply with Quote
La mattina presto? Dovresti prenotare un volo il pomeriggio tardi, invece.
Go to Top of Page

kawabomba
Pulcino

Italy
70 Posts

Posted - 03/05/2013 :  13:45:44  Show Profile  Reply with Quote
E lo so ma .... o così o niente. Tutto pienoe non ce la faccio più ad aspettare. Tra pioggia, lavoro e famiglia sono mesi che aspetto!!!!
Go to Top of Page

Cincillà
Aquila imperiale

Italy
433 Posts

Posted - 03/05/2013 :  13:54:15  Show Profile  Reply with Quote
Chi te lo ha detto che è meno pericoloso che andare in bicicletta?
quote:
Originally posted by r.mattion

Ma nooooo, è meno pericoloso che andare in bicicletta!!!! Certamente ora non hai nessun elemento di conforto, e l'essere umano di fronte all'ignoto, al non noto, reagisce con istinti di fuga, fifa, e simili. Concordo, fatti due tre voletti con qualcuno, e vedrai che poi ci prendi gusto!

Go to Top of Page

r.mattion
Pulcino

Italy
22 Posts

Posted - 13/06/2013 :  18:17:19  Show Profile  Reply with Quote
QUINDI COM'E' ANDATA???

quote:
Originally posted by kawabomba

E lo so ma .... o così o niente. Tutto pienoe non ce la faccio più ad aspettare. Tra pioggia, lavoro e famiglia sono mesi che aspetto!!!!



Go to Top of Page

r.mattion
Pulcino

Italy
22 Posts

Posted - 13/06/2013 :  18:17:52  Show Profile  Reply with Quote
MI PARE EVIDENTE....


quote:
Originally posted by Cincillà

Chi te lo ha detto che è meno pericoloso che andare in bicicletta?
quote:
Originally posted by r.mattion

Ma nooooo, è meno pericoloso che andare in bicicletta!!!! Certamente ora non hai nessun elemento di conforto, e l'essere umano di fronte all'ignoto, al non noto, reagisce con istinti di fuga, fifa, e simili. Concordo, fatti due tre voletti con qualcuno, e vedrai che poi ci prendi gusto!



Go to Top of Page

Cincillà
Aquila imperiale

Italy
433 Posts

Posted - 14/06/2013 :  13:33:54  Show Profile  Reply with Quote
Caro r. mattion

non so cosa tu intenda per evidente.
I numeri sono numeri e, anche se so benissimo che non è il modo corretto per analizzare certi fenomeni, questi sono i numeri per l'Italia:

Ciclisti: 25 milioni
Morti in bicicletta all'anno: 260 (ANIA, media degli ultimi 10 anni)
Circa 1 morto ogni 100.000 ciclisti

Piloti di VaV: 1600 (IGC, anno 2005 con trend a scendere)
Morti all'anno 2,5 (media ultimi 10 anni)
Significa 1,5 morti ogni 1000 piloti

C'è di mezzo un fattore 100.
Vedi tu.

Guarda che non scrivo questo per far passare la voglia di volare. Anzi.
Io volo da 32 anni e spero di volare per altri 32, almeno.
ciao
Go to Top of Page

kawabomba
Pulcino

Italy
70 Posts

Posted - 14/06/2013 :  23:29:06  Show Profile  Reply with Quote
semplicemente spettacolare. Tutte le aspettative sono state mantenute. Certo che non è come un volo di linea. Tutto si vive con un'altra ottica. La più piccola variazione nelle correnti vengono immediatamente percepite. Molto bello ed entusiasmante comunque.
Adesso facciamo un paio di conti e vediamo.

X quel che riguarda la sicurezza sulla tipologia del volo credo dipenda in primis da errori umani, x distrazioni superficilità o semplicemente perchè non pronti ad affrontare velocemente la nuova situazione che si puó essere creata contro ogni aspettativa.
Ovviamente è una mia modesta rielaborazione su quello che ho potuto leggere e sentire da fonti diverse.

Grazie
Alby
Go to Top of Page

r.mattion
Pulcino

Italy
22 Posts

Posted - 20/06/2013 :  14:46:40  Show Profile  Reply with Quote
Beh, posto che io non parlavo di morti, ma di "pericolo"... aggiunto semmai anche ai feriti (quanti sono in bici?) convieni con me che chi vola è super attento a un sacco di procedure, alla sicurezza, non vola se ha bevuto, se è stanco, ecc ecc (almeno dovrebbe essere così....), non corre il rischio di essere investito da altri, ecc ecc insomma.... forse dovevo parlare di incidenti domestici? Ogni anno, secondo le stime dell'Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro (Ispesl), avvengono circa 4 milioni e mezzo di incidenti domestici, di cui 8.000 mortali, con circa 3 milioni e 800 mila persone infortunate.... su quanti? boh... E i volovelisti? Confermo, è meno pericoloso! Vabbeh insomma....viva il volo!

quote:
Originally posted by Cincillà

Caro r. mattion

non so cosa tu intenda per evidente.
I numeri sono numeri e, anche se so benissimo che non è il modo corretto per analizzare certi fenomeni, questi sono i numeri per l'Italia:

Ciclisti: 25 milioni
Morti in bicicletta all'anno: 260 (ANIA, media degli ultimi 10 anni)
Circa 1 morto ogni 100.000 ciclisti

Piloti di VaV: 1600 (IGC, anno 2005 con trend a scendere)
Morti all'anno 2,5 (media ultimi 10 anni)
Significa 1,5 morti ogni 1000 piloti

C'è di mezzo un fattore 100.
Vedi tu.

Guarda che non scrivo questo per far passare la voglia di volare. Anzi.
Io volo da 32 anni e spero di volare per altri 32, almeno.
ciao


Go to Top of Page

r.mattion
Pulcino

Italy
22 Posts

Posted - 20/06/2013 :  14:48:00  Show Profile  Reply with Quote
GRANDIOSO!

quote:
Originally posted by kawabomba

semplicemente spettacolare. Tutte le aspettative sono state mantenute. Certo che non è come un volo di linea. Tutto si vive con un'altra ottica. La più piccola variazione nelle correnti vengono immediatamente percepite. Molto bello ed entusiasmante comunque.
Adesso facciamo un paio di conti e vediamo.

X quel che riguarda la sicurezza sulla tipologia del volo credo dipenda in primis da errori umani, x distrazioni superficilità o semplicemente perchè non pronti ad affrontare velocemente la nuova situazione che si puó essere creata contro ogni aspettativa.
Ovviamente è una mia modesta rielaborazione su quello che ho potuto leggere e sentire da fonti diverse.

Grazie
Alby

Go to Top of Page

Coolwind
Moderator

Italy
8957 Posts

Posted - 20/06/2013 :  15:01:35  Show Profile  Visit Coolwind's Homepage  Reply with Quote
Caro Mattion, vorrei tanto tu avessi ragione!
Lasciando da parte le statistiche, posso dirti che personalmente le persone che conosco non muoiono investite in bicletta, qualcuna viene investita in moto e si fa male, un collega che ricordo è deceduto in un incidente in auto.
In tanti anni, questo.
In sei anni, di volovelisti che conoscevo personalmente ne sono morti:
Uno a pochi km dal mio aeroporto, ed era esperto.
Uno in namibia
Uno in spagna, ed era stato mio tutor

Queste persone erano del mio club, di circa 120 soci in media periodo.
Tre morti su 120 persone, in 6 anni. Fai tu i conti..



Go to Top of Page

AlbertOne
Pterodattilo

Guatemala
2925 Posts

Posted - 21/06/2013 :  08:30:54  Show Profile  Visit AlbertOne's Homepage  Reply with Quote
Ciao volo in aliante da quando avevo 22 anni adesso ne ho 44.
gran parte dei miei amici non vola, ma va in vela,fa free-climbing,gioca a calcetto e Pallavolo,va in bici in moto ed usa la macchina, qualcuno vola in aliante (la minoranza).
in questo lungo periodo (ahi come passa il tempo) ho perso un'amica in un incidente in moto, un conoscente in uno d'auto.
in aliante purtroppo ho perso il conto. son piu' di 10.
Basta dire "stronzate" che non è pericoloso.
Volare in aliante è pericolossissmo , gli alianti sono degli oggetti bellissimi, come delle tigri , vanno trattati come tali, sempre con circospezione sapendo che in qualsiasi momento possono farti male.
Oltretutto in questo sport difficilemente se hai un incidente è di poco conto, come sbucciarsi un ginocchio cadendo in MTB , o slogarsi una caviglia giocando a pallone...
è vero piccoli incidenti come menischi spaccati o legamenti rotti non ce ne sono...ma se ti succede qualche cosa il rischio di non raccontarlo è molto molto alto.

Ma se è cosi' pericoloso perchè lo facciamo? PERCHE' è bellissimo, e regala sensazioni uniche , e noi consciamente valutiamo che il rapporto tra quel che dona ed i rischi che corriamo sono affrontabili .
poi possiamo cercare di evitare determinate situazioni che hanno un potenziale di pericolosita' piu' alto.

Ma per piacere non diciamo che è + pericoloso andare da casa all'aeroporto in auto!(citazione)

Ciao
Alberto
Go to Top of Page

Cincillà
Aquila imperiale

Italy
433 Posts

Posted - 21/06/2013 :  12:06:48  Show Profile  Reply with Quote
Concordo Alberto. Sulla pericolosità del VV e sulla sicurezza abbiamo parlato (e scritto) parecchio, anche su questo sito.
Spero che il nostro amico r.mattion sia solo giovane e che le sue parole siano dovute al grande entusiasmo per questa nostra meravigliosa attività.
R.Mattion, se cerchi tra i Docs e tra i vari argomenti del Forum
trovi parecchio materiale sulla sicurezza. Il mio consiglio è di leggerli e di parlarne. La sicurezza del nostro sport è un argomento di cui si parla troppo poco. Per scaramanzia, per ignoranza, per superficialità, per presunzione.
E, come dice Alberto e come ho già detto varie volte anch'io, essere consapevoli che è pericoloso non vuol dire rinunciare a volare. Vuol dire mettere in atto tutte le strategie per renderlo un po' meno pericoloso.
ciao
Go to Top of Page

Berto
Pterodattilo

Italy
1286 Posts

Posted - 21/06/2013 :  15:03:12  Show Profile  Reply with Quote
Quando si parla di sicurezza non posso non intervenire.
Sento molto quest'argomento perché essendo naturalmente competitivo e poco soggetto alla paura, devo stare molto attento e pormi dei limiti per non rischiare di cacciarmi in situazioni critiche.
Ho studiato l'argomento e tutt'ora lo studio a fondo, cercando di utilizzare le esperienze mie e quelle altrui per trovare il giusto compromesso tra sicurezza e performance.
Il problema della sicurezza è che il limite da non superare in aliante non è così definito, ed è facile abbassare inconsciamente l'asticella portati dal desiderio di andare più lontano, di restare per aria quando ormai sarebbe ora di pensare all'atterraggio.
E' facilissimo autoconvincersi che andare a sondare "quel cumulo laggiù" non è pericoloso: dopotutto sarà al massimo a 2-3 Km, cosa posso mai perdere! Poi i 2-3 Km erano in realtà 5, più altri 5 per tornare indietro quando il cumulo si rivela fasullo e ci siamo già mangiati 300 mt di quota che magari servivano per portarsi su campi atterrabili.
Purtroppo essere esperti e bravi non aiuta, anzi la sicurezza e la confidenza che accompagnano l'esperienza portano ancora di più a osare.
Il mio istruttore in USA diceva "complacency kills" e ho riscontrato che aveva ragione: quanti incidenti succedono agli allievi o ai neobrevettati?
Praticamente nessuno.
Quindi ricordiamoci tutti che al di là di tutti gli accorgimenti e le procedure di sicurezza che mettiamo in atto, cerchiamo anche di essere umili, e quando qualcuno torna indietro perché non si sente a proprio agio, al posto di prenderlo in giro chiediamoci se non stiamo invece superando i limiti.
"Complacency Kills", ricordiamocelo.

C'è anche un'altro aspetto che ritengo assolutemante inadeguato tra noi volovelisti: la divulgazione delle proprie esperienze negative.
Ho letto una volta una frase tanto bella quanto vera: "non esistono nuovi errori, ma solo vecchi errori compiuti da nuove persone".
Tutti gli errori possibili sono già stati fatti, eppure li ripetiamo ancora.
Perché non impariamo?
In parte per la "complacency": ci riteniamo migliiori, per cui quell'errore noi non possiamo compierlo (e invece tutti possono, anche i migliori, come è stato più volte dimostrato).
In parte però c'è anche la tendenza dei piloti di "rimuovere" e nascondere le cazzate fatte.
Per me invece è importante condividere non tanto i momenti belli quanto piuttosto gli errori, così che gli altri possano a loro volta evitarli.
Ben venga quindi "l'angolo delle cazzate", e quando leggiamo il racconto di qualche cazzata mettiamoci in testa che potrebbe capitare anche a noi e regoliamoci di conseguenza.

Marco Bertoluzza
AVM Voghera

... intanto mettilo a terra, poi parliamo dopo ...
Go to Top of Page

Cincillà
Aquila imperiale

Italy
433 Posts

Posted - 25/06/2013 :  16:43:33  Show Profile  Reply with Quote
Concordo con quello che dici.
Quando questo sito PF è stato aperto, avevo sponsorizzato l'apertura dell'Angolo delle cazzate.
Ha funzionato per un po'.
Da un anno circa nessuno scrive più. Vorrà dire che nessuno fa più cazzate?
ciao
Go to Top of Page

kawabomba
Pulcino

Italy
70 Posts

Posted - 25/06/2013 :  16:59:21  Show Profile  Reply with Quote
..... nel frattempo ho fatto anche il secondo volo. Sensazione completamente differenti dalla prima. Credo e spero sia solo mancanza di allenamento perché dai 15 minuti sono passato ai 40 e quando sono sceso ero completamente bollito con lo stomaco che gridava vendetta. Il pilota credo si sia lasciato andare galvanizzato dal mio "tutto bene" x esagerare un pochino. Quindi virate strette e accelerazioni che non mi aspettavo o che comunque non ero pronto ad affrontare. Diciamo che la cosa mi ha destabilizzato un attimino riproponendomi tutti i miei dubbi. E se continuassi ad avere disturbi? se non sopportassi questi continui scossoni? se non superassi mai questo senso di (diciamolo) insicurezza? mah!!!!
di positivo c'è stata la possibilità di pilotare x un bel tratto. Ho provato anche a tenere la termica con scarsi risultati, perdevo continuamente la velocità di riferimento altalenando picchiate a cabrate per ricercare il mantenimento dei 100km/h. Sono stato più presente sul dritto anche se l'effetto biscia si notava parecchio .... va bè...esperienza immagino. Mi ha stupito vedere l'istruttore come si aggrappasse allo "zerino" o poco più del vario. Io, dalla mia piccola esperienza virtuale, avrei preferito mollare alla ricerca di altri lidi. Lui invece non solo l'ha tenuta ma anche se non sembrava affatto è anche riuscito a salire. Certo 40 anni d'esperienza vorranno dire qualcosa. Il sunto di tutto questo è.... quando sono in aria non vedo l'ora di scendere, quando sono a terra non vedo l'ora di tornar su!!!! credo di essere da neuro, lo so!!!!
Comunque adesso siamo arrivati alla fatidica scelta ed è x questo che mi aggrapperò alle vostre esperienze ed ai vostri consigli.
Grazie
Alberto
Go to Top of Page
Page: of 4  Topic Next Topic  
Previous Page | Next Page
 New Topic  Reply to Topic
Jump To:
PostFrontal Forum © PostFrontal - La community del Volo a Vela Go To Top Of Page
This page was generated in 0.17 seconds. Snitz Forums 2000

Suggerimenti dello staff:

                                         

Note legali (italiano):
Privacy Policy Cookie Policy
Legal notice (english):
Privacy Policy Cookie Policy

PostFrontal S.A.S. di Giuliano Golfieri & c. - P.I. 05264240960