PostFrontal Forum
PostFrontal Forum
PF Home | International_Forum | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?


 All Forums
 Argomenti principali
 Sicurezza
 report su incidente a Vinon
 New Topic  Reply to Topic
Author Previous Topic Topic Next Topic  

mari
Falchetto

Italy
163 Posts

Posted - 08/07/2012 :  21:18:34  Show Profile  Reply with Quote
Cari amici,

Dato che sono sopravvissuto ad un incidente serio, sento la responsabilità di raccontare l’accaduto, nella speranza che serva da monito ed insegnamento.
Ho aspettato soltanto un po’ di tempo per far “decantare” l’evento e distillare le conclusioni.

Ciao a tutti
Giorgio


La giornata di volo dell’incidente:
Il giorno dell'incidente il tema era lungo 414Km. con condizioni scarse. (chi ha vinto ha fatto 77 Km/h)
Dopo almeno tre ore di volo, di cui la metà sempre sotto cresta per mancanza di condizioni, lascio la Tete di Lucy a 2.400 m. H non avendo potuto salire a 3.000 m. e fare la cresta des Ecrins.
Planando, controllo il vento sul lago di Serres Ponçon e vedo una robusta brezza da sud, penso che i costoni esposti a sud-sud ovest daranno delle salite
Arrivo nella conca dell’aeroporto di St Crépin ed a nord vedo molti alianti della 15 mt.
Mi rilasso un po’; sono vicino ad un aeroporto, sono a ½ costone (circa 1.850-1.900), ci sono un sacco di alianti
Quando sono arrivato sul costone ho notato che non si saliva, però ho visto due alianti 100mt sopra di me che facevano degli otto.
Ho considerato il pendio e, molto in basso, ho visto un piccolo dosso nel costone; ho pensato di doverne tenerne conto ma era molto più in basso, ho stimato di avere un margine di sicurezza per passare il dosso di due volte – due volte e mezzo il necessario.
Sono sul costone col pendio alla mia sinistra, trovo discendenza, guardo gli alianti poco sopra di me e poco più avanti che continuano a fare degli otto, continuo aspettando che la discendenza cessi e diventi ascendenza; questo non succede e l’ascendenza mi mangia tutto il margine, la parte razionale più profonda di me che vigila sulla sicurezza “prende il comando” accetta subito che vi sarà un impatto contro il terreno e così mi concentro a mitigare le conseguenze facendo volare l’aliante parallelo alle piante e cercando di prenderle sotto le cime in modo da fare dissipare ordinatamente l’energia con un effetto cavo-freno della portaerei/effetto velcro.
I miei pensieri sono stati nell’ordine: non stallo altrimenti cado verticale con le note conseguenze; è troppo tardi per dare una scarpata e volare giù per il pendio; se prendo un albero con un’ala mi rovescio con conseguenze peggiori.
Voglio mantenere una traiettoria in modo che dopo aver preso gli alberi cado diritto lungo il costone, con un angolo di impatto il più basso possibile.
Alla fine prendo gli alberi molto bene, la velocità è assorbita quasi per intero, l’aliante non si rovescia, mantiene una residua traiettoria, imbarda di circa 100/120° sulla sinistra e cade verticalmente lungo il pendio un po’ all’indietro a circa 15-20 metri dal punto di impatto con le piante.
L’aliante assorbe tutta l’energia, ho rotto rami di circa 20 cm. di diametro ed ho abbattuto una piantina di circa 30/35 di diametro. L’abitacolo è intero ed ha tenuto bene la struttura di rinforzo attorno al pilota. A bordo ho il cuscino di styroform e dietro il paracadute ho un cuscino di 8/10 cm di spessore.

Dopo l’impatto:
Riaperti gli occhi, chiusi perché investito dagli aghi di pino, corteccia, pigne, acqua dei ballast, faccio fatica a respirare per il colpo per qualche secondo, mi accerto di muovere tutte le parti del corpo e vedo che tutto funziona.
Cerco la bottiglietta dell’acqua per pulirmi la bocca ma vedo che al suo posto c’è la batteria posta nel vano carrello, che però non mi ha ferito.
In seguito scoprirò che ho fastidio in bocca perché mi sono morso il contorno della lingua; è normale negli impatti mordersi la lingua.
Sento fastidio al polpaccio destro e vedo che la batteria sotto il cruscotto è stata divelta con tutta la scatola di alloggiamento e mi ha provocato un grosso ematoma.
Guardo il braccio sinistro e vedo che l’interno del bicipite e parte dell’avambraccio è tutto viola e non ne capisco il perché. In seguito vedrò che nell’urto ho tranciato la leva del flap con la forza della mano; lo sforzo ha creato un po’ di danni.
Sento un po’ di male alla schiena e penso che mi è andata bene perché muovo le gambe e quindi non devo scendere e restare a bordo, dato che la posizione è abbastanza comoda. Quando si è in stato di shock so che bisogna bere e fare pipì; l’acqua non la trovo ed allora faccio pipì, il fatto di riuscirci mi rassicura ulteriormente.
Guardo il cruscotto e vedo che tutto è spento, non posso chiamare gli amici per radio; accendo l’ELT manualmente dato che non è partito automaticamente (l’angolo di impatto è stato quasi verticale e fortunatamente non forte) vedo la lampadina rossa che comincia a lampeggiare.
Prendo il telefono che porto nella tasca della tuta sul petto a sinistra, chiamo prima Marina e subito dopo mio padre spiegando l’accaduto un po’ per volta…. Ho fatto fuoricampo, questa volta ho rotto l’aliante…. Rassicurandoli sul mio stato di salute.
Marina avverte subito il direttore di gara, che chiama l’aeroporto di St Crepin perché mandino qualcuno in volo a cercarmi. Nei giorni seguenti vengo a sapere che fortunatamente sono stato visto da un pilota tedesco che ha subito chiamato St. Crepin dando l’allarme e le coordinate.
Poco dopo vedo un Robin che mi cerca, io tiro fuori lo specchietto e comincio a mirarlo col riflesso. Tutt’ora non sono riuscito a sapere se mi ha visto per il riflesso oppure no. Se non avesse funzionato avrei sparato qualche razzo, che porto sempre con me. (ultima risorsa per evitare eventuali incendi)
Una volta che mi ha avvistato, ha incominciato a girare sopra di me ed io l’ho rassicurato salutandolo con le braccia.
Passa un po’ di tempo mi sto raffreddando, sono anche bagnato, prendo il copricappottina e mi copro, eventualmente ho un telo di stagnola, ma per il momento non ritengo che serva.
Passa poco tempo ed arriva l’elicottero della Gendarmerie che mi individua subito, cala il soccorritore ed il medico.
Mi visitano, mi mettono sulla barella, verricellato e portato all’ospedale di Briançon. Sono tranquillo perché so che sono molto bravi, dal momento che hanno rimesso in piedi un caro amico dopo un brutto incidente di volo molti anno fa.
Prima di lasciare l’abitacolo consegno il flight recorder al soccorritore, rivolgo un pensiero all’aliante che mi ha protetto e spengo il master.
Arrivo in ospedale con 40 di febbre e, ancora sulla barella, il Gendarme mi interroga, scrive il verbale dell’accaduto e mi fa la prova del palloncino. Il risultato è 0,00!
Il tempo non passa mai, ho freddo, sono bagnato e disidratato, finalmente mi portano a fare una TAC completa e poi a notte finalmente in un letto al reparto.

Danni all’aliante:
Le ali sono tutte bastonate in diversi punti dai rami, i longheroni si sono rotti in alcuni punti impattando con gli alberi. La fusoliera è rotta alla fine (dove si mette il ruotino di coda), il piano di coda è stato strappato dagli alberi (credo che abbia ceduto il perno di fissaggio)
Il muso è squarciato sulla destra in quanto un ramo preso in volo ha aperto il guscio fino all’altezza del cruscotto; i rinforzi posti a quell’altezza hanno espulso il ramo.

Danni fisici:
Ematoma contusivo al polpaccio destro.
Stiramento di legamenti vari ed un livido al braccio sinistro
Frattura di due vertebre sacrali
Schiacciamento della vertebra L1. Operato per stabilizzare la vertebra il 7 giugno, il 9 ero già in piedi con un corsetto.

Cause della caduta:
Colpa del pilota per inadeguata condotta di volo.
Durante il volo parallelo al costone, pensando che avrei preso l’ascendenza, non ho adeguato la velocità alla situazione, il controllo visivo esterno è stato troppo lento e spaziato, ero in passiva attesa, ho avuto una mancanza di reazione e di attenzione. Il tutto imputabile ad uno stato di grande stanchezza. Penso anche che, a causa delle condizioni di volo veramente faticose, sempre sotto cresta, non ho bevuto e mangiato in modo adeguato durante il volo, come faccio sempre.

Meteo:
Giornata debole con termiche medie di 1m/s non continue.
La Gendarmerie, per consolami mi ha consegnato la copia della previsione di Meteo France per la zona, dove parla di una confluenza tra l’Argentiere e St Crépin che porta turbolenza e forti ascendenze e discendenze.
La discendenza credo che fosse creata da vento di scorrimento, cioè vento in prua o in coda che scorre orizzontalmente al costone.
Il muso dell’aliante non si è disposto verso il costone come succede in caso di una normale discendenza, altrimenti sarei andato via immediatamente.
Mi è stato riferito che Il pilota dell’elicottero ha avuto notevoli difficoltà a mantenersi in hovering a causa delle discendenze.

La catena degli eventi:
Sintetizzando gli anelli della catena che mi hanno portato all'incidente vedo:
Nessuna attività fisica durante l'inverno o la primavera. E' il primo anno che non ho sciato, non sono andato in piscina e non sono andato in bicicletta.
Scarsa forma fisica. Ho sempre e solo lavorato e data la situazione lavorativa generale non avevo molto entusiasmo per fare altre cose.
Nelle tre settimane precedenti la gara sono stato impegnato tutti i giorni, sabato e domenica compresi.
Durante i primi giorni di gara non ho dormito bene.
Il giorno prima ho fatto fuoricampo subito dopo lo sgancio Questo fatto avrebbe dovuto suggerirmi di fermarmi. E' da cretini fare fuoricampo così, vuol dire che ero imbambolato!
Ero eccessivamente stanco. Quando si è stanchi o non si ha voglia di volare non bisogna decollare.

Altre considerazioni:
In tutti questi anni di volo, ho sempre cercato di evitare di fare errori di pilotaggio gravi. Da diversi anni sono stato consapevole di essere sempre più esposto all’incidente banale, quello che succede per eccesso di confidenza; quindi ogni volta che salivo a bordo dell’aliante mi dicevo “in guardia” stai attento.
Sono sempre stato convinto che alcuni incidenti, anche fatali, di amici sono stati causati da simili banalità.
Nelle 100 e più gare alle quali ho partecipato non tutti i giorni di volo sono stato al 100% della condizione psicofisica; conscio di questo ho sempre adeguato la condotta di volo.
Per me questo è il caposaldo della sicurezza di volo: adattare la propria condotta all’aliante, alla meteo, al contesto geografico ed allo stato psicofisico.
Questa volta è mancato totalmente il controllo di questo adattamento e la cosa grave è che non me ne sono accorto. In pratica è come se in macchina fossi andato fuoristrada perché ad una curva non avessi sterzato in tempo.
Questa sarà la parte più difficile da elaborare e da perdonarsi!



Questo è quanto ho vissuto io; ora bisogna vedere cosa dice il flight recorder, voglio solo vedere il file per sapere con che velocità (IAS e GS) sono andato negli alberi.
I loggers sono ancora in Francia a disposizione della commissione di inchiesta. Tra qualche mese sarà pubblicato il resoconto con tutti i particolari.

Dati del pilota:
Brevetto di volo a vela dal 1975
Al 4 giugno 2012 (il giorno prima) queste sono le mie ore di volo a vela:
Totali 6.395: 42’
Totali sul tipo 446: 59’
Nei 30 giorni precedenti 31: 42’ – totali e sul tipo
Nei 90 giorni precedenti 79:49’ – totali e sul tipo

Aliante:
Ventus 2cxa a 53Kg/mq.

WiskeyEco
Pulcino

Italy
42 Posts

Posted - 10/07/2012 :  00:17:33  Show Profile  Visit WiskeyEco's Homepage  Reply with Quote
Giorgio,
un grazie di cuore per il resoconto chiaro e semplice.
Spero di farne tesoro!
A presto!

Domenico Bosco
Aeroclub Torino
Portatore sano di malattia da volo
Felice possessore di LS6-a
Go to Top of Page

freewing70
Pterodattilo

Italy
1256 Posts

Posted - 10/07/2012 :  09:28:45  Show Profile  Visit freewing70's Homepage  Reply with Quote
Grazie Marina e Giorgio!
Resoconto illustrativo: fa riflettere molto.
Bravi per averlo diffuso: speriamo che faccia scuola.

- Enrico

- enrico
www.architettogirardi.it
Go to Top of Page

michele
Pterodattilo

Italy
4917 Posts

Posted - 10/07/2012 :  09:47:35  Show Profile  Reply with Quote
L'angolo delle cazzate nella sezione sicurezza l'avevamo aperto anni fa proprio per invogliare i piloti a condividere in questo modo le proprie esperienze.
Grazie Giorgio e in bocca al lupo.


Michele Borghi
AVL - http://www.avl.it

Se la prima volta non ti riesce, il paracadutismo non fa per te. [Legge di Murray]
Go to Top of Page

Tellurico
Pterodattilo

Italy
6040 Posts

Posted - 18/07/2012 :  17:34:36  Show Profile  Visit Tellurico's Homepage  Reply with Quote
Grazie per aver condiviso questa esperienza!

Giuliano
Go to Top of Page

maverik
Aquilotto

Italy
236 Posts

Posted - 21/07/2012 :  07:07:03  Show Profile  Visit maverik's Homepage  Reply with Quote
Grande Giorgio ! Lieto che sia andato, alla fine, tutto bene.

Come dice il vecchio: bella cazzata, ringrazia che la puoi raccontare !

Ma, caro Giorgio, un pilota della tua esperienza, della tua "umiltà" verso persone ed elementi si merita propio "di poterla raccontare" perchè altrimenti a noi comuni mortali, padri di famiglia, volatori solo più di soppiatto a famiglia e lavoro, non resterebbe che vendere l'aliante... e questo, spero, non debba accadere mai !

Mi permetto di riproporre il mio pensiero nella speranza che arrivino segnali di cambiamento:

La legge dei "grandi numeri" dice che è tanto più probabile che un evento "negativo" succeda, tanto più si aumenta il numero delle prove.

E' successo a Giorgio, quindi tanto più può succedere a noi...

E' normale che tirando la cordicella al limite (come si deve per forza fare in gara se si vuole vincere (senza / con le regole attuali), o quando fai grandi voli di distanza e parti al mattino presto "al buio" e speri che il vento tenga lungo tutto il tracciato e poi ti trovi a doverti "salvare" per via di un errore di valutazione, o una brutta sorpresa meteo etc..., in attesa che le condizioni migliorino per poter lasciare il costone o per passare un colle..., o quando "godi" perchè rasando i pini per qualche ora ti sei allontanato e hai lasciato l'aria malata e hai trovato una giornata grandiosa di altre 8 ore di volo...) prima o poi ci si prenda un grosso rischio.

E se voli spesso e nei marginali con alianti con poca superfice, flappati e per di più carichi d'acqua, è chiaro che questi rischi aumentano notevolmente. (meditare: l'aliante non decolla da solo...)

Per di più sono "posti" che se non conosci alla perfezione (cioè se non ci voli tutto l'anno con continuità per capire le diverse possibili situazioni) sono MOLTO pericolosi proprio per via di:
- fenomeni di discendenza "continua" o "downwash"
- turbolenze MOLTO forti
- brezze di valle
- interazioni fra orografia / venti meteo / brezze di valle / inversioni termiche...
- CAVI NON SEGNALATI...

Quindi dato che nessuno vola "dappertutto" per "tutto l'anno" l'unica cosa che si può fare è alzare (terribilmente) l'asticella...

Forse volare in parapendio (che ha prestazioni "terribilmente" più limitate e limitanti) aiuta a capire meglio quanto sia delicato il rapporto quota disponibile / orografia / aerologia / condizioni meteo.

Almeno questa è la mia esperienza di pilota che pur con qualche migliaio di ore di volo, non ha mai voluto fare gare di aliante perchè le reputo troppo pericolose per diversi motivi:
- non volo più tutti i giorni, da tempo
- so benissimo che rischiare di tirare dritto e "passare", anche una sola volta, può, a volte, fare una ENORME differenza su gare anche di più giorni... Vedi Giorgio al GP in Nuova Zelanda se non ricordo male... (culo e sfiga controbilanciati) o a Rieti dove pur avendo vinto x 5 giorni ha "perso" per un solo errore...
- Non ci sono limiti /quote di sicurezza "imposte"
- Gli organizzatori non sono spesso all'altezza della situazione e spesso creano percorsi più per favorire piloti locali o "lo spettacolo" o per far svolgere comunque al gara (perchè sai "noi siamo" e poi "la gente dice" e se non si vola ...bla, bla, bla... tutte cazzate, mai visto qualcuno con i coglioni per dire che far partire una gara per far fare 100-200km in aliante è la cosa più stupida che si possa immaginare... visto che probabilmente nella stessa giornata si potrebbero fare anche e con più sicurezza in parapendio..)
- Non posso (più) permettermi di stare via dal lavoro 3-4 giorni o una settimana... ne' di allenarmi almeno 3 volte a settimana in aliante e altrettante in bici/corsa etc...
Ergo: chi ha molto tempo libero è più avvantaggiato, chi conosce la zona rischia molto meno (ma magari non vince perchè non rischia a fare certi "dritti"), chi ha molta esperienza e ha vinto molte gare in una certa zona parte molto avvantaggiato etc... MA
- Il fattore "CULO", cioè botta di CULO gioca ancora un ruolo troppo importante nell'esito finale di una gara (sempre più spesso condotte in condizioni "marginali" o comunque quasi mai, purtroppo, ottimali).

Se si facesse un passo indietro (o avanti) e si organizzassero gare di massimo 2 giorni "on meteo condition" cioè tenedo buone come minimo 3 località e confermando quella buona (o l'annullamento) a inizio settimana... e se le gare fossero viste come un'occasione formativa, cioè informazione fatta da piloti e meteo-piloti esperti della zona (più che come un modo per far vedere chi l'ha più lungo o chi riesce a metterlo.... etc...)

- In ultimo (SOLO PERCHE' SI RICORDA MEGLIO) ho promesso a me stesso che non avrei mai fatto parte di "un branco di deficenti" che mi han costretto ad un'acrobazia da suicidio per lasciare il costone sul quale avevo la precedenza... solo perchè LORO erano in gara...
E perchè ne ho visti troppi infilarsi in roccolo fra alianti, delta e parapendii con una spregiudicatezza degna di Superman...

Ma andiamo a due metri uno dall'altro è chiaro che poi vengono giù i pezzi ! E che dire del fatto "che bisogna accettare che la condotta dei piloti nei roccoli possa essere un po aggressiva..."

...Se qualcuno pensa che sia un coniglio, probabilmente ha ragione... lo invito però a fare una riflessione su chi dice cosa e, sopratutto, a chi è successo cosa...

Ciao

Non serve nessun coraggio per decollare... ne serve di più per restare a terra quando "non è aria"...
Go to Top of Page
  Previous Topic Topic Next Topic  
 New Topic  Reply to Topic
Jump To:
PostFrontal Forum © PostFrontal - La community del Volo a Vela Go To Top Of Page
This page was generated in 0.17 seconds. Snitz Forums 2000

Suggerimenti dello staff:

                                         

Note legali (italiano):
Privacy Policy Cookie Policy
Legal notice (english):
Privacy Policy Cookie Policy

PostFrontal S.A.S. di Giuliano Golfieri & c. - P.I. 05264240960