PostFrontal Forum
PostFrontal Forum
PF Home | International_Forum | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?


 All Forums
 Argomenti principali
 Fuoricampo
 Foto e schemi fuoricampo
 New Topic  Reply to Topic
Previous Page | Next Page
Author  Topic Next Topic
Page: of 4

Mastino
Pulcino

45 Posts

Posted - 01/08/2006 :  12:24:32  Show Profile  Reply with Quote
MA DAIIIIII

Hai ragione anche tu, sono stato un p vago.
La storia del QNH si riferiva ai campi per ULM...


...IN CULO AL FRONTE!
Go to Top of Page

AlbertOne
Pterodattilo

Guatemala
2925 Posts

Posted - 02/08/2006 :  14:15:21  Show Profile  Visit AlbertOne's Homepage  Reply with Quote
quote:
Originally posted by Kappe

...Scheggiafly,
il 26 mt.... come la PEDEMONTANA!
SE NE PARLA DA SECOLI MA NON SI VEDE MAI!



Comunque....io son gi pronto a darti una mano a "buttar dentro le ali"!
Garantito che costa poco, l'aiutarti a montarlo!



AHHAHAHHAHHAHHAHAHAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!! BELLA QUESTA KAPPE!!!!

Go to Top of Page

Kappe
Pterodattilo

Italy
2095 Posts

Posted - 13/09/2006 :  18:55:53  Show Profile  Visit Kappe's Homepage  Click to see Kappe's MSN Messenger address  Reply with Quote
...un'altra foto del campo di Grandate (Como).
Attenzione!
E' coltivato!

http://www.postfrontal.com/gallery/Luglio%202006/Kappe/slides/Scheggia%20field.htm
Go to Top of Page

Kappe
Pterodattilo

Italy
2095 Posts

Posted - 13/09/2006 :  18:59:29  Show Profile  Visit Kappe's Homepage  Click to see Kappe's MSN Messenger address  Reply with Quote
....e questo un campo ad EST di LAVENO, provenendo da Porto Ceresio direzione Laveno.
Se non erro si chiama Mascioni.
Per....ci illumino i pi esperti!

http://www.postfrontal.com/gallery/Luglio%202006/Kappe/slides/Fuoricampo%20Mascioni.htm
Go to Top of Page

dcaielli
Aquilotto

United Kingdom
379 Posts

Posted - 27/12/2007 :  12:33:41  Show Profile  Reply with Quote
Ciao a tutti
premetto che non ho mai volato in Italia (solo in Inghilterra) e sono un semi principiante, ma mi stupiscono molto i commenti qua sopra, in particolare
- fare mai fuoricampo (magari fosse possibile!)
- campi non aviofuorisuperfici che vengono suggeriti come buoni sempre, addirittura da inserire in un palmare. E se un giorno
in quel campo c'e' un cavallo che bruca o dei bambini che giocano a calcio?
- approcci/direzioni prefissati (e se c'e' un forte vento opposto / di traverso?)
da queste parti, il fuoricampo e' praticamente un evento quotidiano (certamente a livello di club, anche nei giorni buoni c'e' sempre qualcuno, anche esperto che rimane fuori), reso piu' facile dalla verde campagna inglese e reso frequente da un meteo molto variabile e un cloud base spesso sotto i 3000 piedi...
l'approccio da queste parti e' sull' addestramento, ci si allena con un moto aliante a scegliare un campo atterabbile una volta che si e' scesi sotto i 1500 piedi ed e' un allenamento che si fa anche dopo che si e' conquistati badge seri - non esistono fuori campo permanenti a meno che non ci sia un palo con una windsock (a volte anche con quello bisogna stare attenti, ci sono molti campi di aereomodellismo che sono troppo stretti/corti!)

Questo sito e' fantastico ma chiaramente non applicabile in italia (si coltiva diversamente sia come calendario, che come tecniche o colture) http://www.field-landings.co.uk/ ma forse varrebbe la pena fare qualcosa del genere anche dalle vostre parti?

scusate forse ho detto delle banalita', ma forse proprio perche' in italia il fuoricampo e' ostico che magari varrebe la pena una iniziativa di questo genere?

Diego - LGC - ASW19B
Go to Top of Page

Coolwind
Moderator

Italy
8957 Posts

Posted - 27/12/2007 :  12:49:38  Show Profile  Visit Coolwind's Homepage  Reply with Quote
Ciao dcaielli! I campi atterrabili indicati come fuoricampo sono costantemente tenuti sotto controllo e visitati a piedi per verificarne lo stato. Se ti infili tra le montagne e non sai dove andare ad atterrare, hai voglia a cercare un campo atterrabile mentre sei basso e non vedi piu niente. Quindi la nostra regola che non vai ad infilarti in zone dove non sapresti dove atterrare, con la quota che hai. Non un volo in pianura insomma.
Go to Top of Page

ice007
Aquila imperiale

Italy
451 Posts

Posted - 27/12/2007 :  13:16:43  Show Profile  Click to see ice007's MSN Messenger address  Reply with Quote
Ma chi e' questo ? Non ho parole...

MArco - ...ala a compasso...
AVL Alzate Brianza
Go to Top of Page

Coolwind
Moderator

Italy
8957 Posts

Posted - 27/12/2007 :  22:13:01  Show Profile  Visit Coolwind's Homepage  Reply with Quote
Dcaielli ho guardato il sito, ma spiega solo come distinguere le colture durante le varie fasi di crescita.
Go to Top of Page

dcaielli
Aquilotto

United Kingdom
379 Posts

Posted - 27/12/2007 :  22:46:56  Show Profile  Reply with Quote
il commento di ice e la spiegazione di CZZL mi han fatto capire due cose, una che il tono del miopost non era carino (perdonatemi, l'ho buttata di getto in un pomeriggio lavorativo noioso e non era l'intenzione risultar uno sparasentenze) e due che non ho tenuto in considerazione i problemi del volo di montagna. Insomma ho detto stupidate e pure male e forse pure OT..scusate!
CZZL, si, il sito serve a riconoscere i vari tipi di campo dall'alto ed e' una specie di complemento sull addestramento dal vivo dove uno impara a scegliere un campo atterrabile (o il meno peggio) ovunque uno si trovi (pendenza, colore erba, presenza di siepi, paletti della luce o mini ricinti per animali, paletti irrigazione etc.., acqua da un lato, erba mossa dal vento etc...), personalmente io faccio ancora pena nello scegliere ma col tempo si migliora.
L'impressione che ho avuto e' che ci sia un modo diverso di vedere il fuoricampo, e in effetti montagna vs pianura spiega molto di queste differenze. Saper riconoscere un campo dall'alto aiuta probabilmente comunque - in italia viste la varieta' di colture la cosa e' ancora piu' complicata: magari si puo' atterrare in una risaia a giugno ma tutti gli altri mesi e' un disastro..meglio un comodo fuoricampo in un prato o arrivare bassino a un campo noto? qui gli istruttori ti prendono a calci se provi la seconda. solo questa estate un espertissimo istruttore al mio club ha preferito atterrare in un campo di grano appena tagliato a 100 metri dal club piuttosto che arrivare basso..un po palloso andarlo a prendere e smontare il tutto per pochi metri ma gli e' sembrata la cosa piu' sicura da fare ( e pensate che il passeggero era uno al primo volo...)
Continuo a blaterare conoscendo pochissimo della situazione italiana, quindi perdonatemi le ovvieta' e stupidate ma magari l'esempio inglese puo' farvi venire mezze idee...
Saluti!

Diego - LGC - ASW19B
Go to Top of Page

Lukes
Pterodattilo

1089 Posts

Posted - 27/12/2007 :  23:45:11  Show Profile  Visit Lukes's Homepage  Reply with Quote
Ciao dcaielli,

grazie per l'input.
Certamente ognuno puo trarre degli spunti positivi.
Nella stessa Italia ho visto modalita diverse di preparare ed affrontare i fuoricampo, a seconda della zona di volo: Alpi, Appennini, pianura. Ovvio.
Ma comunque mi pare interessante ricevere informazioni di come si vola dove sei tu.

Ciao

Lucas
www.d-s-x.net
Go to Top of Page

Coolwind
Moderator

Italy
8957 Posts

Posted - 28/12/2007 :  02:28:58  Show Profile  Visit Coolwind's Homepage  Reply with Quote
Ma scusa Dcaielli, i coni di planata in inghilterra non li conoscono o non li applicano? Come diavolo fa un istruttore con a bordo un passeggero al primo volo finire in fuoricampo a 100m dalla pista e trovarlo pure normale? "meglio un comodo fuoricampo in un prato o arrivare bassino a un campo noto?" la conseguenza di una errata valutazione dei parametri di volo, e ti ritrovi a scendere in fuoricampo. Ma l'arrivo 200-300m sul circuito lo fate anche voi?
Comunque una gran bella cosa poter scegliere i campi di volta in volta. Adesso ti racconto come ti appare un fuoricampo dei nostri, gi considerato buono.. c' un prato, storto rispetto alla valle, lungo circa 200m. Il finale si fa storti (obliqui) rispetto all'asse pista, per evitare i fili dell'alta tensione che poi proseguono lateralmente. In testata pista c' un acquedotto, su tre livelli, da saltare. Quando sei in corto finale devi essere preciso nell'imboccare quei 15-20m di pista senza paletti (il prato ne pieno).
Alternative non ce ne sono se sei basso in quel punto, il che significa che ti sei beccato un sottovento molto forte e probabilmente c' pure vento e turbolenza.
Adesso puoi capire la mia sorpresa nel leggere il manuale dell'agricoltore volovelista che sceglie patate cavolfiori o mais giovine nei verdi prati inglesi. Il bello del volo in pianura!

Go to Top of Page

Tellurico
Pterodattilo

Italy
6040 Posts

Posted - 28/12/2007 :  11:29:44  Show Profile  Visit Tellurico's Homepage  Reply with Quote
Questo sito ce lo aveva fatto vedere anche Bruttini a Rieti...

Giuliano
Go to Top of Page

dcaielli
Aquilotto

United Kingdom
379 Posts

Posted - 28/12/2007 :  11:48:31  Show Profile  Reply with Quote
agricoltore volovelista LOL! :-) - e' vero, qui ci si raccomanda di evitare la colza (pare ti demolisca l'aereo) e si discute se il grano sia gia' stato raccolto etc. mamma mia inquietante la tua descrizione di un buon fuoricampo! e' evidente che la verde campagna inglese permette di volare piu' sereni.
L'istruttore che sbaglio' fece uno sgancio classico a 2000 piedi a pochi km dalla pista ed ebbe la "sfortuna" di rimanere in sink costante in una buona giornata, facendoli a un certo punto abbondare l'idea di un circuito normale. Chiaramente e' stato un po pirla, ma ha avuto almeno il merito alla fine di fare la cosa piu' sicura invece che arrivare bassino ...secondo me un pilota poco dedito all'agricoltura avrebbe tirato dritto arrivando al pelo e rischiando..

CZZL, ora stacco il pc - grazie per i tuoi post simpatici e istruttivi - buon anno!

PS: questo e' il club, one dei piu' grossi d'inghilterra :http://maps.google.co.uk/maps?f=q&hl=en&geocode=&time=&date=&ttype=&q=dunstable&ie=UTF8&t=h&om=1&ll=51.87037,-0.546291&spn=0.009976,0.019956&z=16&iwloc=addr
su due lati e' circondata da una ripida collinetta, che permette un buon hill soaring, specie in inverno, la pista e' tagliata in parte da un dislivello, una meta' e' a doppia gobba di cammello e la pista e' 100 piedi piu' in alto del terreno a sud e ovest.. (si, anche qua si entra a 600-800 piedi ma la conformazione della pista rende a volte il circuito un po stretto per via della collina)


Diego - LGC - ASW19B
Go to Top of Page

arabafenice
Pterodattilo

Italy
1465 Posts

Posted - 28/12/2007 :  18:52:57  Show Profile  Reply with Quote
Visitai quel club nell'agosto 1998 ma ero ancora allievo e di corsa (era mattina e alle 16 avevo aereo di ritorno...)
Cmq conoscevano Alzate

"come l'araba fenice, che vi sia ciascun lo dice, come sia nessun lo sa"





Go to Top of Page

freewing70
Pterodattilo

Italy
1256 Posts

Posted - 13/04/2011 :  16:17:56  Show Profile  Visit freewing70's Homepage  Reply with Quote
Vi segnalo questo fuoricampo tra Bard e Verres (Valle d'Aosta) MAI testato. Un nostro pilota esperto ha pero' provveduto a visitarlo in loco.
45 37 36; N
07 43 54; E

E' lungo l'autostrada e si trova in zona piuttosto ventosa e turbolenta.
Attenzione agli irrigatori: ce n'e' una fila proprio a fianco dell'autostrada, poi ce n'e' una seconda: l'atterrabilita' e' in mezzo alle due.
Se siete in difficolta' da quelle parti questa e' una delle poche possibilita' prima dell'aeroporto di Aosta.

USARE CON CAUTELA E VERIFICARE LE COORDINATE


http://img269.imageshack.us/i/fuoricampo.jpg/

- enrico
www.architettogirardi.it

Edited by - freewing70 on 15/04/2011 14:45:10
Go to Top of Page
Page: of 4  Topic Next Topic  
Previous Page | Next Page
 New Topic  Reply to Topic
Jump To:
PostFrontal Forum © PostFrontal - La community del Volo a Vela Go To Top Of Page
This page was generated in 0.17 seconds. Snitz Forums 2000

Suggerimenti dello staff:

                                         

Note legali (italiano):
Privacy Policy Cookie Policy
Legal notice (english):
Privacy Policy Cookie Policy

PostFrontal S.A.S. di Giuliano Golfieri & c. - P.I. 05264240960