PostFrontal Forum
PostFrontal Forum
PF Home | International_Forum | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?


 All Forums
 Argomenti principali
 Sicurezza
 incidente di Neil Lawson
 New Topic  Topic Locked
Previous Page
Author Previous Topic Topic Next Topic
Page: of 2

Thunderjet
Pterodattilo

Italy
1518 Posts

Posted - 16/02/2007 :  15:22:59  Show Profile  Visit Thunderjet's Homepage  Click to see Thunderjet's MSN Messenger address
sono perfettamente d'accordo con te....
mMa d'altra parte sai bene che il volo a vela "sportivo" si lamenta sempre, ma di fatto poi non fa assolutamente nulla per allargare la famosa base, io e te siamo vecchi dell'ambiente e sai bene che questo discorso è fatto di fumo da decenni perche in reltà non ne è mai esistita la volontà di farlo per paura di perdere determinati privilegi..

Di "Ettore Muzi" o "Stanislaw Wielgus" ne nascono troppo pochi purtroppo...

Happy Landings...
Meglio essere a terra e sognare di essere in volo che essere in volo e sognare di essere a terra


Cun calma e cun pazienza, ghan fà el bus del cuu a vun che l'era senza.
-------------------------
Go to Top of Page

alegalli
Aquila imperiale

Italy
431 Posts

Posted - 16/02/2007 :  21:11:45  Show Profile  Click to see alegalli's MSN Messenger address
Se mi permettete di dire la mia.....
Il volo a vela è tanto bello a praticare, quanto palloso da guardare (e questo lo sanno le mogli e le fidanzate), intanto perchè si svolge nella sua fase attiva lontano dalla possibilità di essere visto, poi perchè manca il confronto diretto tra i partecipanti (A meno che non esista qualcosa tipo match race, forse su questo potete illuminarmi)
In ogni modo tutto quello che avete detto è vero, solo una cosa non è stata detta, e per parafrasare il risultato dell'indagine:
"The head of the photographer was unecessarly high..."
Non nascondiamoci dietro un dito, l'agonismo è il ricercare il limite e a volte superarlo. Nessuno guarderebbe Valentino se non facesse quello che fa, roba tipo 400 metri in staccata su una ruota sola gomito a gomito con l'avversario (e non ditemi che è sicuro), nessuno guarderebbe la formula 1 se ci fosse il limite di velocità, per non tacere poi sulle discese al giro di Italia o al Tour de France, a 70 / 80 all'ora su gomme non più larghe di un mignolo....
Quello che ha fatto il tizio dell'incidente, nell'ambito della ricerca di questo limite mi sembra, se si uò usare il termine, normale, quello che non è normale è che ci fosse gente in piedi sul finale......
Questo detta da uno che l'agonismo non sa neanche cosa sia.....
Go to Top of Page

icenix
Pterodattilo

Switzerland
930 Posts

Posted - 17/02/2007 :  09:09:50  Show Profile
E' tutto vero ma (c'e' sempre un ma) la gente era in piedi parecchie centinaia di metri fuori dall'aeroporto e quindi dal punto in cui di norma si tocca terra.

In proporzione ai mezzi in discussione bisognerebbe sgomberare l'asse pista di linate per almeno 10 km a sud della testata pista.

Valentino fa quello che fa in un circuito chiuso e protetto non tra le teste degli spettatori (che magari vorrebbero anche).

Roberto Nivini -- HB-1942 V1
ACAO Calcinate
Go to Top of Page

AlbertOne
Pterodattilo

Guatemala
2925 Posts

Posted - 19/02/2007 :  08:45:15  Show Profile  Visit AlbertOne's Homepage
e aggiungiamo che il Sig. Rossi porta a casa 50.000.000 di euro (tra tutto) e ha valutato che se arriva vivo ai 35 anni poi si gode la vita, cosi' i vari piloti di formula1 ecc.
I piloti di Rally (quelli veri) guadagnano bene e rischiano molto di + di chi corre in circuito.. cosi pure gli spettatori...
I "volovelari" (noi) non guadagnamo nulla, rischiamo , e dobbiamo porre attenzione al pubblico (che poco coscienziosamente si mette in luoghi non sicuri, ma magari non lo sa!)... esattamente come il pubblico dei Rally che si assiepa all'esterno delle curve ...e non ditemi che non sanno che se esce un'auto di starda al 99% passa sulle loro gambe..
Go to Top of Page

Cincillà
Aquila imperiale

Italy
433 Posts

Posted - 20/02/2007 :  13:51:59  Show Profile
Non facciamo confusioni usando parole come sport, spettacolarità etc. Ci sono differenze fondamentali tra il VV e la F1 o il Motociclismo.
Non facciamo l'errore di paragonare, o peggio di assimilare, il VV con quelle attività. Dietro lo spettacolo fantasmagorico di F1 e Moto c'è il carro armato "Ultra Heavy" dei soldi, del business, ci sono spinte economiche enormi. Quello che vediamo noi popolino è solo la nostra quota di "panem et circenses".
Qualche morto in F1 non ha mai neanche lontanamente fatto nascere spinte a sospendere le gare o l'uso delle automobili. Anzi, lo spettacolo si fa più morbosamente affascinante.
Il mondo dell'AG e in particolare quello del VV in Italia è percepito dai media, dalla maggioranza dei politici e anche dalla gente comune, come qualcosa di pericoloso, di inutile, di elitario e costoso (confrontate per es. costi, tasse e burocrazia dell'AG e del mondo della nautica da diporto...).
Noi dobbiamo considerarci dei sorvegliati speciali. Ogni incidente, oltre che umanamente doloroso, è anche un appiglio in più per tutti quelli (e non sono pochi) che il Volo lo vorrebbero chiudere.
Quindi rinunciamo alla "spettacolarità" e all'agonismo sfrenato. Tanto non è con i passaggi filo recinzione che invogliamo la gente a volare. E chi rischia per vincere non venga a dire che lo fa per la spettacolarità o per divulgare il VV. Lo fa solo per ambizione personale. Ci sono tanti altri modi per pubblicizzare il nostro sport, ma non è questa la sede.
Buoni voli a tutti.


quote:
Originally posted by alegalli

Se mi permettete di dire la mia.....
Il volo a vela è tanto bello a praticare, quanto palloso da guardare (e questo lo sanno le mogli e le fidanzate), intanto perchè si svolge nella sua fase attiva lontano dalla possibilità di essere visto, poi perchè manca il confronto diretto tra i partecipanti (A meno che non esista qualcosa tipo match race, forse su questo potete illuminarmi)
In ogni modo tutto quello che avete detto è vero, solo una cosa non è stata detta, e per parafrasare il risultato dell'indagine:
"The head of the photographer was unecessarly high..."
Non nascondiamoci dietro un dito, l'agonismo è il ricercare il limite e a volte superarlo. Nessuno guarderebbe Valentino se non facesse quello che fa, roba tipo 400 metri in staccata su una ruota sola gomito a gomito con l'avversario (e non ditemi che è sicuro), nessuno guarderebbe la formula 1 se ci fosse il limite di velocità, per non tacere poi sulle discese al giro di Italia o al Tour de France, a 70 / 80 all'ora su gomme non più larghe di un mignolo....
Quello che ha fatto il tizio dell'incidente, nell'ambito della ricerca di questo limite mi sembra, se si uò usare il termine, normale, quello che non è normale è che ci fosse gente in piedi sul finale......
Questo detta da uno che l'agonismo non sa neanche cosa sia.....


Go to Top of Page

Thunderjet
Pterodattilo

Italy
1518 Posts

Posted - 20/02/2007 :  14:43:19  Show Profile  Visit Thunderjet's Homepage  Click to see Thunderjet's MSN Messenger address
quote:
Originally posted by Cincillà

Non facciamo confusioni usando parole come sport, spettacolarità etc. Ci sono differenze fondamentali tra il VV e la F1 o il Motociclismo.
Non facciamo l'errore di paragonare, o peggio di assimilare, il VV con quelle attività. Dietro lo spettacolo fantasmagorico di F1 e Moto c'è il carro armato "Ultra Heavy" dei soldi, del business, ci sono spinte economiche enormi. Quello che vediamo noi popolino è solo la nostra quota di "panem et circenses".
Qualche morto in F1 non ha mai neanche lontanamente fatto nascere spinte a sospendere le gare o l'uso delle automobili. Anzi, lo spettacolo si fa più morbosamente affascinante.
Il mondo dell'AG e in particolare quello del VV in Italia è percepito dai media, dalla maggioranza dei politici e anche dalla gente comune, come qualcosa di pericoloso, di inutile, di elitario e costoso (confrontate per es. costi, tasse e burocrazia dell'AG e del mondo della nautica da diporto...).
Noi dobbiamo considerarci dei sorvegliati speciali. Ogni incidente, oltre che umanamente doloroso, è anche un appiglio in più per tutti quelli (e non sono pochi) che il Volo lo vorrebbero chiudere.
Quindi rinunciamo alla "spettacolarità" e all'agonismo sfrenato. Tanto non è con i passaggi filo recinzione che invogliamo la gente a volare. E chi rischia per vincere non venga a dire che lo fa per la spettacolarità o per divulgare il VV. Lo fa solo per ambizione personale. Ci sono tanti altri modi per pubblicizzare il nostro sport, ma non è questa la sede.
Buoni voli a tutti.




Assolutamente d'accordo con cincillà le mie cagate con i passaggi rasoterra le ho fatte anche e piu di una volta ma grazie a dio sto diventando un "vecchio" pilota perche ho smesso... l'incoscenza giovanile ha la sua bella parte di responsabilità in tutto questo...

E non parlo solo dei passaggi qfe (quota filo erba) ma di tutta la condotta del volo , fare i peli ai costoni per guadagnare lo 0,05 in piu di salita non serve.... fare le planate a 5 km sotto e volte sopra la Vne non serve... etc etc ce ne sarebbero un kilo e mezzo di stupidaggini da annotare...

E se vogliamo paragonare (anche se imparagonabile) la F1 o la motogp domandatevi perche nonostante l'apparente rischio sono 10 anni che no muore piu nessuno in formula 1 (noi non possiamo dire altretanto) e credo ameno 5 o 6 nel motomondiale, perche dietro c'è uuno studio sulla sicurezza che noi manco ci sognamo!

Quindi prima di fare paragoni che non stanno in piedi forse conviene fermarsi un attimo e ragionare.

Non so, è tanto che non vado ad una gara, ma l'ultima che ho visto da spettatore è stata la promozione a Rieti nel 98 credo.. beh sono andato via schifato... Agonismo al di sopra di ogni ragionevole limite.
Gente che faceva scenate alle morose o alle mogli perche aveva perso 50 pts, crisi esistenziali per un fuori campo...(sottolineo, era la promozione e non il campionato del mondo)

Non so se l'ambiente sia cambiato... ma in quel momento sono stato felice di essere uno spettatore....

A quel periodo è seguito, direi non inaspettatamente per me, una ecatombe di incidenti gravi e spesso mortali.....

Forse quando andiamo in volo , gara o non gara, dovremmo ricordarci che rimane comunque un bel gioco... e che no siamo degli uomini migliori o peggiori se vinciamo una gara o facciamo un fuoricampo...

Siamo solo piu felici per un aver imparato qualcosa....
P.s. la gente non la catturi con i pasaggi rasoterra ma portandola a vedere spettacoli che mai potrebbe avere in modo diverso...



Happy Landings...
Meglio essere a terra e sognare di essere in volo che essere in volo e sognare di essere a terra


Cun calma e cun pazienza, ghan fà el bus del cuu a vun che l'era senza.
-------------------------

Edited by - Thunderjet on 20/02/2007 14:53:53
Go to Top of Page
Page: of 2 Previous Topic Topic Next Topic  
Previous Page
 New Topic  Topic Locked
Jump To:
PostFrontal Forum © PostFrontal - La community del Volo a Vela Go To Top Of Page
This page was generated in 0.08 seconds. Snitz Forums 2000

Suggerimenti dello staff:

                                         

Note legali (italiano):
Privacy Policy Cookie Policy
Legal notice (english):
Privacy Policy Cookie Policy

PostFrontal S.A.S. di Giuliano Golfieri & c. - P.I. 05264240960